Sostituire per tempo l’illuminazione

Il risparmio offerto dalle moderne fonti energetiche a LED rispetto alle lampadine a incandescenza è talmente grande che queste ultime dovrebbero essere sostituite il prima possibile. I maggiori costi di acquisto alla lunga vengono compensati dall’uso, poiché il consumo energetico è dieci volte inferiore. Inoltre le lampadine LED hanno una durata maggiore delle lampadine a incandescenza.

Lo stesso dicasi per le lampadine alogene. Anche queste ultime dovrebbero essere prontamente sostituite. Per contro la sostituzione immediata di lampadine a risparmio energetico non ha senso, poiché garantisce un risparmio di corrente minimo. È consigliabile quindi sostituire questo tipo di lampadine, quando si esauriscono, con soluzioni a LED. Le sorgenti luminose a LED offrono molte più possibilità rispetto alle sorgenti luminose tradizionali. Per questo motivo è importante tenere a mente alcuni accorgimenti:

Lumen al posto di watt

Quello che conta è il flusso luminoso. I valori in watt riportati sulle lampadine a incandescenza che fino ad ora servivano per stabilirne la potenza sono destinati a non avere più importanza, poiché le lampadine a incandescenza non sono più disponibili sul mercato e verranno presto dimenticate. Il nuovo valore di riferimento è il lumen, il quale indica la luminosità della lampadina.

Prima dell’acquisto pensate dunque a quanta luce deve emettere la vostra lampadina. Questa tabella vi aiuta a determinare il flusso luminoso che vi serve in base alla sorgente luminosa che dovete sostituire.

flusso luminoso energyday

Se si desidera sostituire una lampadina a incandescenza da 60 watt con una lampadina a LED, servirà una lampadina da circa 800 lumen, ovvero un LED con un consumo di soli 8-12 watt. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.led-know-how.ch.

Messa al bando delle lampade alogene nel 2018

Le ben note lampadine a incandescenza sono scomparse già da anni dagli scaffali. Presto accadrà lo stesso con le lampadine alogene.

Dal 1° settembre 2018 entra in vigore la direttiva ErP (CE) 244/2009. Conformemente alla direttiva dell’UE non potranno più essere vendute lampadine alogene che non soddisfano i requisiti di efficienza energetica necessari del nuovo regolamento.

La direttiva vieta la vendita di lampadine con un indice di efficienza energetica inferiore a B. Ciò significa che praticamente tutte le lampadine alogene non saranno più in circolazione, in quanto generalmente possiedono la classe di efficienza energetica C o D. Esiste un’eccezione: le lampadine alogene con attacchi R7s e G9 con almeno una classe energetica C saranno disponibili anche in futuro.

Quali sono le conseguenze per il consumatore?

I consumatori possono orientarsi approssimativamente alla seguente direttiva:

  • dal 1° settembre 2018, le lampadine alogene largamente usate con attacchi E27 ed E14 nelle versioni a incandescenza, a goccia e a candela non saranno più disponibili;
  • le lampadine alogene, che sono già installate, possono essere ancora utilizzate e non devono essere sostituite;
  • restano inoltre disponibili le lampadine alogene per le quali non esiste (ancora) alcuna alternativa in ragione della forma particolare o della funzione speciale.

Qualità della luce

La qualità della luce viene indicata con un valore Ra o CRI (indice di resa cromatica). Più questo valore è vicino al 100, tanto più chiaramente sono riconoscibili i colori. In tutti i casi in cui il colore ha un ruolo decisivo (ad es. sopra la tavola da pranzo), bisognerebbe scegliere una sorgente luminosa con un valore di almeno 90.

Forma

Le lampade vengono adattate a sorgenti luminose con una determinata forma. In caso di una sostituzione, la lampada aLED dovrebbe quindi essere scelta possibilmente delle stesse dimensioni.

Attacco/portalampada

Le lampade hanno diversi portalampada. Il più noto è l’E27. In commercio si trovano molteplici portalampade di dimensioni e forme diverse che a loro volta sono adattati alle lampade. La lampadina di ricambio deve avere esattamente lo stesso attacco.

Regolazione della luminosità

Le lampadine a LED retrofit, così vengono chiamate le lampadine a LED che hanno un design simile alle lampadine convenzionali, e le lampade a LED sono dotate un dispositivo di controllo elettronico interno. Per questo motivo le lampadine e le lampade devono essere appositamente progettate per regolare l’intensità luminosa. Queste speciali lampadine e lampade sono contrassegnate sull’imballaggio con la dicitura REGOLABILE.

Occorre prestare attenzione ai vecchi dimmer rotativi (solitamente installati nella parete) che spesso non sono in grado di regolare l’intensità luminosa di una lampadina o di una lampada regolabile senza causare interferenze. In tal caso il dimmer deve essere sostituito da personale specializzato. Al fine di garantire un perfetto funzionamento, si consiglia di contattare l’elettricista di fiducia che fornirà informazioni in merito.

Ulteriori informazioni sulla regolazione dell’intensità luminosa dei LED sono disponibili nel seguente opuscolo:

http://www.bfe.admin.ch/php/modules/publikationen/stream.php?extlang=it&name=it_132113759.pdf

Con l’ausilio del configuratore delle sorgenti luminose si possono inserire le combinazioni di cui sopra e definire la lampadina necessaria.

I tipi più frequenti sono rappresentati nella figura seguente.

tipi lampadina energyday

Gli esperti di SvizzeraEnergia rispondono alle domande specifiche sull’energia anche direttamente chiamando l’infoline al numero 0848 444 444 oppure online.